carta nautica delIl Mare Interno dalle isole ionicheIl Mare Interno dalle isole ioniche viene definito così perché la vicinanza tra le isole e la terraferma, crea un tratto di mare fino alla costa Sud di Cefalonia abbastanza racchiuso e protetto.

Qui il mare non è mai agitato, quando soffia tanto vento, al massimo diventa mosso o molto mosso. Nella scala del Mare Douglas significa mare sempre facile da affrontare.

Nelle ore centrali della giornata si alza una bella brezza tesa che consente di spostarsi sempre a vela tra le isole che lo compongono.

Lefkas è la Maggiore, il centro principale è Levkada dove si trova anche il marina e da dove si arriva e si parte per Igoumenitsa. Da levkada tramite uno stretto canale navigabile si raggiunge la costa orientale e il fiordo di Ormos Vliko con la cittadina di Nidrì. Più a sud si trova la Baia di Sivota con il suo bel paesino esteso per tutta la lunghezza della banchina. La costa Occidentale , molto bella con acque turchesi è difficile da frequentare in barche perchè sempre esposta al maestrale e troppo spesso impraticabile a causa della risacca che impedisce anche lo sbarco col tender.

Skorpios , l’isola di Onassis è definotivamente off limits , da quando è stata ceduta si puo solo vedere a distanza.

Meganisi, ricca di fiordi dove stare all’ancora con cime a terra, ha il suo centro principale nella cittadina di Vathi che al tramonto innondata dall’ultimo sole appare al navigante come fosse placcata di or zecchino. Le baie vicine sono tutte belle, anche se spesso affollate, per passare la notte con cime a terra.

Kalamos e Kastos isole completamente sconosciute se non ai velisti, appaiono belle nella loro naturalezza e vegetazione lussureggiante. A porto leone si vedono le stellate e la via lattea come in nessun altro posto esendo quasta baia racchiusa da colline che la proteggono dalle luci circostanti.

Atoko è poco più di un grosso scoglio con un paio di baie molto belle. Con previsioni di tempo molto buone si può stare alla fonda nella baia della casetta e fare il bagno a mezzanotte e al mattino presto in un’acqua cristallina.

Itaca famosa per abbinamento con l’odissea, ha belle spiagge e baie tutte sulla costa orientale. Molto ventosa fino a sera inoltrata. sulla costa orientale si trovano due bei centri caratteristici ma non agevoli per andarci in barca Kioni e Frikes

Cefalonia è la piu grande isola dell ionie , da girare in auto a noleggio per visitare i sui centri più pittoreschi, Assos e Fiskardo nonchè Agio Euphimias città della capitano Corelli. A Cefalonia oltre alla fortezza di san giorgio, c’è da vedere il lago sotterraneo di Melissani e monasteri e chiese. La spiaggia di Mirto visa dalla strada è una delle più famose del mondo.

 

 

Navighiamo tra le isole della Grecia Ionica, privilegiando, baie e ormeggi fuori dai circuiti tradizionali per poter godere della natura selvaggia e incontaminata e delle acque cristalline e azzurre di isole, ai più sconosciute, come Othonoi, Erikoussa, Mantraki, Meganisi, Kastos, Kalamos ed altre ancora. Non trascuriamo però di passare qualche serata nei luoghi magici della Grecia più conosciuta per visitare i centri storici di città come Kerkyra ( corfù ) e i villaggi come Porto Gaio a Paxos,  Agia Euphimias a Cefalonia e Sivota Bay a Levkada anche per  degustare la cucina tradizionale nei locali frequentati dai Greci. Una vacanza meravigliosa difficilmente descrivibile a parole ma che cercheremo di illustrare con le foto che abbiamo fatto in questi luoghi.

I percorsi sono indicativi possiamo organizzarli insieme.

Grecia percorso 1 settimana. 135 mg 

Base imbarco Corfù, base sbarco Corfù.

Le rotte intorno a Corfù sono brevi e adatte a tutti. Purtroppo sono spesso anche caratterizzate dal poco vento tranne per le zone a nord e nel canale di Paxoi che se c’è un forte maestrale nel canale d’otranto possono avere venti rafficati e un pò di onda ma mai disagevoli. In questa zona si riesce sempre a trovare un ormeggio confortevole.

Grecia percorso 2 settimane. 285 mg

Base imbarco Corfù, base sbarco Corfù.

Un percorso abbastanza lungo con qualche tratta di 35 miglia e diverse ore di navigazione. Il tempo necessario è di due settimane per poter vedere abbastanza luoghi. Si naviga comunque sempre ai confini del maestrale che soffia nello ionio e quindi sempre senza problemi. Questa rotta consente di visitare sia la zona di Corfù che il mare interno. Quindi toccheremo le isole di Corfù, Paxos, Levkada, Itaka e Cefalonia in pratica molte delle più belle isole greche.

 Grecia percorso 1 settimana. 200 mg

Le rotte del mare interno, così definito perchè protetto da quasi tutti i venti, sono caratterizzate da brezze leggere e mare calmo. Al mattino sbrighiamo le faccende a terra, cambusa, rifornimenti,  visite dei luoghi e in tarda mattinata salpiamo per la destinazione successiva. Si naviga nelle ore centrali della giornata per sfruttare le termiche che si alzano tra le 13 e le 18 del pomeriggio. In genere la sera e la notte si è sempre senza vento quindi in condizioni confortevoli.

X